IL CLUB 4000 IN CIFRE - OTTOBRE 2013

Riprendiamo le statistiche del Club già a suo tempo elaborate da Gian Battista Parigi, di Pavia, membro e prezioso collaboratore del Club 4000, aggiornando quelle elaborate nel 2011 al fine di meglio conoscere le caratteristiche dei componenti questo Club e analizzare le variazioni avvenute negli ultimi anni.
Per vedere le versioni precedenti: versione 2011 - versione 2009 - versione 2007 - versione 2005.

 

Le persone

Dati calcolati a ottobre 2013 su 380 soci – parzialmente mancanti in 3 casi - confronti eseguiti con le precedenti valutazioni del 2011 (su 348 soci), 2009 (su 273 soci), del 2007 (su 208 soci) e del 2005 (su 146 soci).

Caratteristiche demografiche

  • 346 maschi, 34 femmine (dal 2005 al 2013 le femmine sono passate dal 10% all'8,9% del totale)
    • 7 coppie lui/lei
    • 1 coppia di gemelli
    • 6 padre/madre e figlio/figlia
    • 1 Cavaliere della Repubblica per Soccorso Alpino
    • 21 guide alpine, 7 delle quali hanno scalato tutte le 82 vette
    • 1 aspirante guida
    • 9 accademici del CAAI
    • 16 INSA / INA - 15 ISA / IA ( Istruttori Sezionali

Da segnalare la mascotte del Club, la belga Vanessa de Lil di 24 anni, che ha nel suo curriculum ben 61 vette scalate con papà Jean

  • Età media : 55,83 anni (da 24 a 89 anni)

Distribuzione in fasce di età - 2013

 

Distribuzione in fasce di età - grafico - 2013

Distribuzione dei soci in fasce di età

 Il Club è ancora relativamente giovane, ma già alcuni soci l’hanno lasciato per raggiungere una vetta ben al di sopra dei 4000 metri: Ernst Hilzinker (1918 - 2001), Fritz Gansser (.... - 2001), Bart Naert (1975 - 2006), Warmondo Barattieri (1928 - 2008) , Arnaldo Caroni (1946 - 2008), Arrigo Capra (1917 - 2008), Miha Valic (1978 - 2008), Claudio Cambiaso (1946 - 2010), Edmund Bruggmann (1945 - 2010), Piero Rosazza (1920 - 2011), Gianpiero Barbero (1934 - 2012), Giulio Azzaroli (1921 - 2013), Péter Kiss (1986 - 2013), Aldo Bergamini (1956 - 2013), Carlo Ravetti (1951 - 2013).

Andamento delle iscrizioni

La figura rappresenta graficamente l’andamento delle iscrizioni, suddivise per anno dal 2000 ad oggi, dopo un primo periodo dal 1993 al 1999 di cui… non abbiamo dettagli !

Andamento iscrizioni - 2013

 

Tipologia vette salite

Dati calcolati a ottobre 2013 su 378 soci

Ogni socio ha salito in media 50,0 vette (per definizione il range va da 30, minimo requisito per accedere al Club, a 82 per i Soci “full”, ora 20), con un leggero aumento rispetto alle 49,3 della rilevazione 2011.

Attività dei soci  - 2013

 

Ed ecco i nomi dei 28 soci “full” che hanno raggiunto tutti gli 82 fatidici 4000 (tra parentesi, l'anno in cui hanno completato la collezione):

Luciano  RATTO
(1988)
Giambattista CALLONI
(2000)
Pier MATTIEL
(2000)
Marco BORGINI
(2001)
Jocelyne GAY
(2001)
Mario RAGAZZI
(2002)
Franco NICOLINI
(2007)
Diego GIOVANNINI
(2008)
Hansueli MARTI
(2008)
Gabriel VOIDE
(2008)
Margareth VOIDE-BUMANN
(2008)
Armando ANTOLA
(2009)
Richard ARNOLD
(2010)
Vareno BOREATTI
(2010)
Daniela FORMICA
(2010)
Martin HEFTI
(2010)
Eugenio MANNI
(2011)
Massimo MEDINA
(2011)
Giuliana SALA
(2011)
Alberto CUCATTO
(2012)
Dominique DE STAERCKE
(2012)
Luigi FARNELLI
(2012)
Floriano MARTINAGLIA
(2012)
Jean-Louis PITTELOUD
(2012)
Francesco ROTA NODARI
(2012)
Mara BABOLIN
(2013)
Andrey CHIZHOV
(2013)
Hugues DUPLANTIER
(2013)

Provenienza dei soci

Dati calcolati ad ottobre 2013 su 380 soci (tra parentesi il dato 2011)

  • 307 Italia (285):

Val d'Aosta 10 (9)

Piemonte 128 (123)

Liguria 24 (21)

Lombardia 85 (76)

Veneto 23 (21)

Trento/BZ 10 (10)

Friuli VG 2 (2)

Emilia Romagna 6 (6)

Toscana 7 (6)

Marche 1 (1)

Umbria 1 (1)

Lazio 4 (4)

Abruzzo 1 (1)

Campania 2 (2)

Francia 1 (1)

Germania 1 (0)

Svizzera 1 (1)

 

 

 

  • 73 Europa (63):

Svizzera 35 (32)

Francia 12 (9)

Germania 4 (4)

Slovacchia 3 (3)

Belgio 5 (3)

Spagna 2 (2)

Regno Unito 4 (4)

Austria 1 (1)

Olanda 4 (3)

Repubblica Ceca 2 (2)

 Russia 1 (0)

 

 

Attività alpinistica dei soci

Perun'analisi sull'attività dei soci, occorre in primo luogo considerare che, per i dati che vengono raccolti (relativi alla prima "nuova" salita di un 4000 da parte di un socio), dobbiamo escludere da questa analisi i soci che hanno completato la collezione: infatti, una volta completata la collezione, la data di "Ultimo 4000" che raccogliamo nel database non è (almeno ce lo auguriamo!!!!) la data in cui il nostro socio ha terminato la sua attività alpinistica sui 4000, dato che potrà continuare a salire ancora su queste vette, magari avendo il piacere di farlo per vie diverse da quelle già salite in precedenza.

Ragion per cui, dobbiamo considerare come numero dei soci che andiamo a considerare quelli che non hanno ancora completato la collezione, chiamamoli soci “attivi” intendendo, per questo, quelli che stanno ancora collezionando 4000 (con l'ultimo nuovo 4000 salito dal 2000 in poi); questi  sono 298, 54 sono quelli con ultima salita svolta prima del 2000 (dal 1962 al 1999) e per 4 soci non abbiamo la data dell'ultimo nuovo 4000 salito. Nel 2013 ben 96 soci hanno ampliato la collezione, oltre a 3 che l'hanno completata e sono state registrate nel nostro database 302 nuove salite ad un 4000 da parte dei nostri soci. Riportando su grafico la data dell'ultimo nuovo 4000 salito, otteniamo questo grafico che ci dà l'idea del fatto che i nostri soci continuano ad effettuare salite a nuovi 4000.

Andamento ultimo 4000 salito - 2013

Le montagne

Gli 82 “4000” delle Alpi, secondo l’elenco ufficiale dell’UIAA, sono distribuiti in sei gruppi (1-Delfinato, 2 vette; 2-Gran Paradiso, 1 vetta; 3-Monte Bianco, 28 vette; 4-Pennine, 41 vette; 5-Oberland, 9 vette; 6-Bernina, 1 vetta).
Per una più significativa e dettagliata esposizione delle medie relative ai diversi gruppi, nelle successive tabelle:
  • si sono accorpati i gruppi 1, 2 e 6 (4 vette: Barre des Ecrins ed il suo satellite Dome de Neige des Ecrins, Gran Paradiso e Bernina) mutuando dal Dumler-Burkhardt (1) la definizione di “giganti solitari”
  • i gruppi 3 e 5 sono stati lasciati come tali
  • il gruppo 4 “Pennine”, il più numeroso, è stato suddiviso in “Pennine Occidentali” (19 vette, dal Gran Combin di Valsorey al Lyskamm Orientale); “Monte Rosa” (9 vette); “Pennine Orientali” (13 vette, Gruppi dei Mischabel e della Weissmies).

Dati di calcolo

L’ altezza è quella ufficiale ripresa dall’elenco UIAA (dato cartografia italiana), e va dai 4000 m. esatti delle Droites sino ai 4810 m. del M.Bianco, con una media di 4210 m.
Il n. volte 2013, la % soci 2013 e la posizione 2013, così come le tre analoghe colonne riferite agli anni precedenti, rappresentano la frequenza con cui gli 82 “4000” sono stati saliti dai soci del Club 4000, in termini assoluti e percentuali, nonché la “graduatoria” delle vette in ordine di frequentazione, con i dati di quest'anno riferiti a 345 soci (per 3 soci mancano i dettagli delle salite). Nella colonna “differenza posizioni” è espressa la differenza algebrica (non preoccupatevi, vuol dire solo in più o in meno) della posizione in graduatoria di quest'anno rispetto a quelle precedenti.

Il grado di difficoltà è stato ripreso dal Goedecke (2) ed espresso con le sigle classiche, da “F” (facile) a “TD” (molto difficile) passando per PD (poco difficile), AD (abbastanza difficile) e D (difficile), eventualmente integrati da “+” o “-“, per un totale di 9 progressivi gradi di difficoltà, espressi anche numericamente da un quoziente difficoltà da 1 a 9, per consentire il calcolo delle medie. Risulta così che 11 vette sono facili (di queste, 5 sono F+) , 37 poco difficili (6 PD+), 23 abbastanza difficili (4 AD-, 2 AD+), 4 difficili e 7 molto difficili.
La quota base - da cui calcolare il dislivello alla vetta - è stata ripresa sempre dal Goedecke, scegliendo, nel caso di più località di partenza possibili, quella più alta raggiungibile con mezzi meccanici (scelta forse eticamente discutibile, ma piattamente realistica).

Valori medi complessivi

Valori medi dei gruppi - 2013

Dall’insieme delle medie si osserva che quello del Monte Rosa è il gruppo con la quota media più alta (ma anche quello che presenta la più elevata “quota base” ed il minore dislivello medio, date le numerose possibilità di risalita meccanica che consentono di “risparmiare” significativamente fiato e sudore per andare in quota), il più frequentato e quello con le salite mediamente più facili; di poco inferiori, come frequentazione, i Giganti Solitari (che presentano il maggiore dislivello medio) e le Pennine, queste ultime un po’ più difficili dei due gruppi citati.
Meno frequentato invece l’Oberland Bernese, le cui cime, mediamente più difficili delle precedenti, sono salite da poco più della metà dei soci, ed ancor più il gruppo del Monte Bianco, che presenta la difficoltà media nettamente più alta (6,5 rispetto ad una media totale di 4,4) ed è frequentato nel suo insieme solo da meno di un terzo dei soci del Club 4000. Questo dato - apparentemente “strano” – si spiega considerando che nelle 28 vette del gruppo del Bianco si annoverano tutte quelle con grado di difficoltà più elevato, in particolare le cinque “Aiguilles du Diable”, così come le cime più neglette (vedi oltre).

Grafico quote e dislivello gruppi - 2013

Rappresentazione grafica del livello medio della quota base e del dislivello alla vetta

BIBLIOGRAFIA

(1) Helmut Dumler, Willi P. Burkhardt – il nuovo Quattromila delle Alpi. Zanichelli ed. 1990.
(2) Richard Goedecke: I 4000 delle Alpi – Le vie normali di salita alle vette più alte dì’Europa. Guide Iter ed., 2003.

Analisi dettagliata delle vette

Le tabelle successive riportano analiticamente i dati relativi alle 82 vette, suddivise in ordine geografico (tab. 4); questa tabella è stata successivamente riordinata in ordine di frequentazione (tab. 5), in ordine di difficoltà crescente (tab. 6) con relativo rapporto fra difficoltà e frequentazione (tab. 7) ed infine in ordine di dislivello crescente (tab. 8). Per alcune tabelle, data la loro dimensione che non avrebbe permesso una buona visualizzazione della stessa, abbiamo preferito far aprire la tabella stessa in una nuova scheda nel browser.

Lasciamo ai nostri lettori la possibilità di fare le loro personali valutazioni riguardo alle diverse posizioni in classifica delle diverse cime.

 
 
 
 

Frequentazione vette - 2013

Tabella 7

 

Tab. 8 - Distribuzione delle vette per dislivello (si apre in altra scheda)