Record sui 4000

Intenzione di questa rubrica è di riportare le informazioni relative agli exploit alpinistici o qualsivoglia record che viene effettuato sui 4000.
Il Club 4000 non caldeggia certo nessuna gara in alta montagna: è vero che l'alpinismo è un gioco, ma è un gioco terribilmente serio!

L’integrale di Peuterey in 16 ore e 9 minuti

Lo scorso 13 agosto 2013 lo svizzero Ueli Steck ha percorso la cresta integrale di Peuterey in 16 ore e 9 minuti. Partito dalla Val Veny alle 4, alle 8.30 era sulla Noire e poco prima delle 15 raggiungeva la vetta del  M. Bianco. Ripartito alle 15.35, seguendo la via normale francese, poco dopo le 20 era a Les Houches.

Una descrizione dettagliata dell'impresa si può leggere su http://www.uelisteck.ch/

(Fonte: montagna.tv del 4 settembre 2013)

Nuovo record sul Bianco

L'11 luglio 2013 il catalano Kilian Jornet Burgada e il francese Matheo Jacquemoud hanno stabilito il nuovo record di salita e discesa del M. Bianco in 4 ore e 57 minuti. Partiti dalla chiesa di Camonix alle 4.30, hanno coperto i 3773 m di dislivello in 3 ore e mezza in salita e 1 ora e 15 minuti in discesa, abbassando il record precedente di 5 ore e 11 minuti, stabilito dallo svizzero Pierre-André Gobet nel 1990.

Kilian Jornet aveva un precedente record nella traversata da Courmayeur a Chamonix per la cresta dell'Innominata in 8 ore e 43 minuti.

(Fonte: La Stampa e www.montagna.tv)

Un altro record di velocità

Lo scorso 23 agosto, approfittando delle favorevoli condizioni della montagna, lo svizzero Andreas Steindl, guida alpina di 22 anni, ha salito la cresta dell'Hörnl al Cervino in 2 ore e 57 minuti, partendo dalla Zollhaus di Zermatt, per un totale di 2915 m di dislivello.

Che senso possono avere questi exploit sportivi? Potete dire la vostra intervenendo nel dibattito che si è aperto recentemente su Forum, in Opinioni e dibattiti, Proposta per un nuovo record.

(Fonte: www.montagna.tv - 13 ottobre 2011)

Il record dei record

Ueli Steck, alpinista svizzero  nato a Langnau (Emmental) il 4 ottobre 1976, "Piolet d'Or 2009", "Prix Courage 2008", celebre anche per eccezionali imprese di arrampicata in velocità in Himalaya, sulle Dolomiti e su El Capitan (3 ore e 45 minuti per salire il Nose, via Free Rider 5.12), ha impiegato complessivamente 7 ore e 4 minuti  per salire la celebre trilogia delle pareti nord dell'Eiger, Cervino, Grandes Jorasses.
Ecco i dettagli:
- 28.12. 2008: Grandes Jorasses , via Colton-McIntyre, 2 ore e 21 minuti 
- 13. 01. 2009: Cervino, via Schmid, 1 ora e 56 minuti
- 13.02. 2008: Eiger, via Heckmair, 2 ore e 47 minuti
Da notare che, teoricamente, questo record sulla trilogia potrebbe essere ulteriormente migliorato perché un altro svizzero, Dani Arnold, ingegnere e guida alpina di 27 anni, il 20.04. 2011, ha salito la nord dell'Eiger in 2 ore e 28 minuti, 19 minuti (ignoro i secondi e decimi!) meno di Steck.
 
Per altre notizie su questo eccezionale alpinista e per approfondimenti si consiglia il libro: Ueli Steck: "Speed", Priuli e Verlucca, Ivrea, 2011
 
(L.R. - 30/09/2011)

Sulla cima del Bianco e dell'Etna in 14 ore

Luca Colli, alpinista di Vigevano noto per le sue performance in velocità, è riuscito nel suo intento di celebrare i 150 anni dell'Italia unita scalando Monte Bianco ed Etna in sole 14 ore e 15 minuti.
 
Giovedì 11 agosto, coadiuvato dalla guida di Courmayeur Christian Cesa, alle sette del mattino è partito dall'Aiguille du Midi e in 3 ore e 20 minuti ha raggiunto la vetta del Bianco. Sceso di corsa, è stato portato all'aeroporto di Caselle da dove, con un normale volo di linea, ha raggiunto Catania. Qui, accompagnato da Biagio Ragonese, guida alpina dell'Etna, e da Nicola Lo Giudice del Soccorso Alpino, ha coperto i 35 chilometri che separano Linguaglossa dai crateri sommitali del vulcano in 7 ore e 28 minuti.
 
(L.R. - 29 agosto 2011)