News sui 4000

Sul M. Bianco un nuovo record. Di idiozia

Il 13 luglio scorso l'americano Patrick Sweeney, per battere il record del più giovane "conquistatore del M.Bianco", ha portato i figli Shannon e Patrick jr., di 11 e 9 anni, sulla via normale francese, notoriamente la più pericolosa in assoluto (v. qui le considerazioni di Luciano Ratto e Pier Mattiel in proposito). Nell'attraversamento del Grand Couloir i due bambini sono stati travolti da una valanga e solo grazie al cavo di assicurazione piazzato dalle guide è stata evitata una tragedia. Il tutto è stato filmato dal padre, che, non pago dell'idiozia fatta, ha pure presentato il filmato alla TV americana Abc, come fosse un'azione di cui vantarsi. (Per inciso, il commentatore ha risolto la questione se il M. Bianco sia in Italia o in Francia piazzandolo in Svizzera). Bene ha fatto il sindaco di Saint-Gervais-Le-Bains, Jean Marc Peillex, a denunciare lo Sweeney per «mise en danger de la vie des autres».

 

Leggete qui parte della notizia riportata dal quotidiano "La Stampa".

 

(Fonte: "La Stampa" del 30-07-2014)

Aprirà nel 2013 il nuovo Ref. du Goûter

Il nuovissimo rifugio del Goûter, base di partenza per la salita al M. Bianco per la via "normale" francese, verrà aperto solo nella prossima stagione 2013, a causa di ritardi per problemi riscontrati nel sistema di raffreddamento del sistema termico solare. Il rifugio, costruito secondo i più moderni criteri di rispetto ambientale e con una capienza di 120 posti, renderà senz'altro più umano il pernottamento rispetto alla vecchia struttura, ma non renderà meno pericolosa la via di salita, come già indicato nella relazione pubblicata a suo tempo.

Interpellato in proposito, la Guida Pier Mattiel ha confermato recentemente che "...a mio parere la pericolosità dell'itinerairo oggettivamente c'è....  ma né più né meno che su molti altri itinerari sui 4000, tipo Weisshorn,  Lauteraarhorn, o anche Gran Combin; ...quello che fa la differenza è la frequentazione combinata con il numero di passaggi.......sono certo che se la spalla Isler avesse i passaggi del Gouter gli incidenti sarebbero almeno quelli".

E Luciano Ratto conferma che "...la pericolosità di quel maledetto canalone (anche quest'anno, nonostante la minore frequenza ci sono stati incidenti gravi), non sarà certo eliminata o ridotta con un Rifugio tutto nuovo".

http://www.refugedugouter.fr/

(F.M. - dicembre 2012)

Inaugurato il nuovo Bivacco Gervasutti

Nuovo_Gervasutti

 Il 24 giugno 2012 è stato inaugurato il nuovo bivacco, che sostituisce la vecchia Capanna Gervasutti.

Situato a q. 2835 al centro del ghiacciaio del Fréboudze (M. Bianco), il bivacco, che è dotato di 12 posti letto, fornelli elettrici e computer di bordo con connessione internet, è la base di partenza per numerose salite, tra le quali l'Aig. de Leschaux, le Petites Jorasses, la Pointe des Hirondelles e le Grandes Jorasses per la cresta des Hirondelles o la parete Est.

Tutte le informazioni sul bivacco, compreso il "libro virtuale" del rifugio su www.sucai.it, cliccando su "Bivacco Gervasutti".

Cervino sempre più fragile

Cervino sempre più fragile. A causa dell’innalzamento delle temperature e dei cambiamenti climatici, la Gran Becca è sempre più malata, come dimostra una ricerca dell’Università di Zurigo.
I sintomi? Sono evidenti, e negli ultimi anni sempre più frequenti: si va dal ritiro dei ghiacciai ai crolli di massi, a frane che si staccano dai versanti di una montagna che continua a sgretolarsi a causa del caldo, dello scioglimento del permafrost e, come hanno rilevato gli svizzeri, anche dell’acqua che entra nelle fessure della roccia.

Leggi tutto: Cervino sempre più fragile

Il Progetto 8000

Un'iniziativa di Luciano Ratto, Roberto Aruga e Roberto Mantovani

Che le montagne superiori agli 8000 metri siano 14 è un luogo comune tramandato attraverso decenni dalla stampa specializzata e generalista.  Questo numero 14 si impose intorno agli anni trenta del Novecento, soprattutto per opera dell’alpinista ed esploratore tedesco Günther Dyhrenfurth, che proprio in quel decennio guidò due spedizioni sulle montagne dell’Himalaya.

Leggi tutto: Il Progetto 8000