News on 4000

Qualche considerazione sul Mezzalama 2019?

La disputa del Trofeo Mezzalama, nel fine settimana del 28 aprile, con condizioni meteo e della montagna assai proibitive che hanno costretto gli organizzatori a modificare - saggiamente e giustamente! - il tracciato di gara, induce alcune riflessioni e domande non eludibili da un sodalizio come il nostro.
TrofeoMezzalama 2019
1_ The show must go on. Il regolamento prevedeva l'alternativa di una data di riserva, la settimana successiva. Tuttavia, ciò avrebbe creato non pochi inconvenienti logistici per la carovana di partecipanti e sponsor. Quindi, avanti lo stesso: che lo spettacolo abbia inizio!
2_ Duri e puri. Per storia, finalità e caratteristiche del percorso, una competizione come questa ha senso nella misura in cui si cimenta con il terreno e con l'avventura d'alta quota legati all'ambiente dei Quattromila. Se vengono meno le condizioni, ha senso che la gara si svolga comunque snaturandone il tracciato? In montagna, è (quasi sempre) onorevole anche la rinuncia...
3_ Il bicchiere della sicurezza. Mezzo vuoto o mezzo pieno? Sì, perchè il paradosso è di quelli non da poco: per ragioni di sicurezza si modifica il tracciato, ma la disputa della gara è stata comunque un bell'azzardo, con temperature percepite di -30° e raffiche di vento a quasi 100 km/h.
4_ La lotta con l'Alpe. Siamo ancora lì, all'epica fascista della montagna da sconfiggere per non esserne soverchiati e vinti? A giudicare sia dallo sforzo dell'organizzazione (vedi punto 1), sia da alcuni dei commenti sui social parrebbe che non ci si sia discostati molto. Forse, in epoca di filosofie della sostenibilità e della decrescita (più o meno) felice, la montagna, indifferente agli omini che vi si affaccendano intorno, andrebbe semplicemente "ascoltata" e, dunque, nel nostro interesse, "assecondata". E siamo di nuovo al tema della rinuncia (vedi punto 2)...
(May 2019)

La capanna Sella ai Rochers protagonista su «Meridiani Montagne»

capture.jpgDedicato al "Monte Bianco segreto", il numero 96 (gennaio 2019) del bimestrale «Meridiani Montagne», attualmente in edicola, ospita un dettagliato articolo a firma di Roberto Mantovani sulla nostra capanna. Se ne ricostruisce la storia (insieme a quella del primo itinerario di salita alla vetta delle Alpi sul versante italiano), ma viene anche descritto l'intervento di restauro, oltre all'annuncio dell'imminente approntamento del più sicuro accesso alternativo. Accompagnato da molte foto del nostro presidente Luca Calzone, l'articolo riporta anche brevi commenti di Daniela Formica (past president del Club4000 e ora presidente del Gruppo regionale CAI Piemonte) e di Osvaldo Marengo (vicepresidente del CAI Torino e responsabile della Commissione rifugi della Sezione).
Nel numero della rivista, la capanna Sella è in "buona compagnia" di altri presìdi storici e remoti (sebbene non quanto lei!) del Massiccio, ai quali sono dedicati altrettanti approfondimenti: la cabane de l'A Neuve e i bivacchi Hess e Comino.
(L.G. - Gennaio 2019)

Mountaineers in the enclosure

In pre-contemporary times, there were the diary bands in European cities. Then, with the demolition of walls and ramparts, they jumped, so that people and goods could enter and exit freely from population centers.
Now, if you are worried that in Venice, suffocated by hit and run tourists, the daily closed number with turnstiles is introduced, the perspective becomes grotesque if we think of a similar measure for the French side of Mont Blanc, according to the intentions of the mayor of Saint-Gervais. Access to the Bianco area is a little more difficult to circumscribe than that of the Venetian streets; Therefore, if the hypothesis of encountering, between meadows, rocks and glaciers, a barrier (of barbed wire?) should be avoided, we will run the risk of running into a check of the gendarmes to check if we have the pass. If not, will we perhaps play guards and thieves off the track, risking breaking the neck bone once more? If the permit, painstakingly obtained, will coincide with wolf weather days, will we still play it? If we return to the French side leaving Italian streets will find closed the doors of the shelters and open those of the jail?
That of the mountain is outdoor practice, not indoor, and it is not (only) a sport, so it is something not (totally) measurable and regulated, as it would rather our "security society" (as Annibale Salsa reminds us). All this, does nothing but increase the collective deresponsibililizzazione, to the detriment of the individual awareness of the situations. In this case, those who invoke the slogan "Prohibit to prohibit" are right.
But ... is not that by chance, then, we are all deserving, since some of us have exchanged the mountains for a sports hall with lots of track for speed racing with designer shoes, or for a ring of boxing (as evidenced by the assault of those "mountaineers" to the guides who had apostrophized them about the conducting of the rope to stay in Mont Blanc)?
(Luca Gibello - member of the Board of Directors Club4000 and president of the association Cantieri d'alta quota - 13 September 2018)

The way of Goûter to M. Bianco: something moves?

As repeatedly highlighted by Luciano Ratto, the "normal" way of Goûter to M. Bianco is particularly dangerous: 16 victims only last season! In "Opinions and debates"of the Forum, Luciano had already presented several possibilities to reduce the mortality of the street, now an article on" Le Dauphiné ", reported not only by Luciano also by the partner Aldo Tosetti, reports the hypotheses that are taken into consideration by local authorities to decrease the number of accidents.

Click here to read the article of "Le Dauphiné"; on the newspaper site Readers' comments can also be read.

(FM - February 19 2018)

The useless battle of Luciano Ratto on Grand Couloir to the Gouter

"The high temperatures are causing major falls of more frequent stones along the Gouter Couloir and so the French authorities in a note recommending extreme caution. The Prefect of the Haute Savoie and Saint Gervais Mayor asking to mountaineers alpiù leaving early in the morning when temperatures are lower, both to reach the refuge of Gouter is to reach the top ... ". This news appeared in "La Vallée News" which aroused the indignation of Luciano Ratto, Founder of the Club 4000. Last year our Luciano had created a dossier the dangerousness of the Gouter route to Mont Blanc and the possible solutions, files taken from various specialized publications. You can read his bitter remarks on the site of MountCity where you can also consult the complete dossier.

(FM - Source: L. Ratto, 9-09-2016)