Rimpfischhorn dalla Taschhutte

Di più
08/05/2011 13:04 - 13/05/2011 17:17 #811 da Valerio Leoni
COM_KUNENA_MESSAGE_CREATED_NEW
Sabato 7 maggio ho salito il Rimpfischhorn dalla Taschhutte in compagnia di Alessandro.
Avevamo altri piani ma un fastidioso raffreddore mi ha suggerito di ripiegare su una salita con minore avvicinamento. Abbiamo scelto la bellissima Taschhutte come base avendo Alphubel e Rimpfischhorn come opzioni. Sentendomi assai meglio la sera di venerdì optato per il Rimpfischhorn, che ho salito la prima volta dalla Britannia nel 2004.

Dal rifugio si spallano gli sci per circa 20 minuti in piano. Attorno a quota 2800 abbiamo trovato buone lingue di neve che ci hanno permesso di calzare gli sci. Giunti al pianoro sottostante il Feekopf attorno a quota 3400 abbiamo portato gli sci per circa 50 metri in discesa (poca neve) per poi salire su ghiacciaio ben chiuso e traccia comoda fino al colletto a quota 3990. Si riesce a salire fino all’inizio del canale con gli sci.
Canale ben innevato, rocce pulite, bella salita alpinistica. La presenza di ghiaccio molto duro e compatto nei nevai ci ha costretto a preferire la salita sulle rocce.
Per tutto l’itinerario e dalla vetta grandioso panorama sulla vallata di Zermatt.
Piacevole sciata su bella neve fin nei pressi della capanna.

L’itinerario dalla Taschhutte è più lungo rispetto a quello dalla Britannia ma è sicuramente molto più bello e panoramico.
La Taschhutte è un bellissimo rifugio molto pulito con acqua corrente calda, sito in località amena e panoramica (splendida la vista su Weisshorn e Zinalrothorn).
Non servono il pane a cena (portatevelo).

Inizialmente si percorre un bel vallone morenico fino a raggiungere i pianori dell’Aphubelgletscher sempre dominati dalle moli imponenti dell’Alphubel e del Rimpfischhorn.
La salita alpinistica non è difficile ma non va sottovalutata. Si risale il canale per circa metà su pendenze crescenti per poi lasciarlo verso sinistra su una cengia trasversale (ometto) ben appigliata. Si sale per una rampa-canale tra roccette e neve fino ad un colletto (cordone per doppia).
Se in buone condizioni conviene risalire il ripido nevaio puntando verso sx salendo. Altrimenti si sale il filo della cresta per rocce inizialmente più difficili poi via via più facili fino ad un intaglio (cordone). Si traversa verso sx un nevaio ripido e si sale un caminetto di rocce rotte innevate (cordone) per poi portarsi verso destra su un bel traverso esposto e aereo fino ad un altro pianoro (cordone per doppia) sotto l’anticima.
Per roccette e poi per cresta nevosa aerea si raggiunge la cima.

Consiglio di portarsi una corda di almeno 40 metri per eventuali doppie nel caso in cui le condizioni lo richiedano. Qualche fettuccia e magari 1 o 2 rinvii. E’ possibile scendere dall’anticima in doppia fino al nevaio. Noi siamo saliti e scesi in conserva.

Non avendo la macchina fotografica, posterò in seguito qualche foto scattata dal Alessandro
Last edit: 13/05/2011 17:17 by Valerio Leoni.

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
09/05/2011 08:34 #812 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW
Ciao Valerio
bello il Rimpfisch

...ma da Ottavan non c'è più neve????
noi eravamo scesi direttamente dal ghiacciaio senza ripassare per il rifugio
per delle lingue tra morene praticamente fino al pianoro
ed era maggio inoltrato...

Aspettiamo ovviamente le foto!!!!

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
09/05/2011 10:36 #814 da Valerio Leoni
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW
Ciao Franz
complimenti per la bella salita.

la discesa per il Mellichen-gletscher passando tra quota 3395m e 3391m e poi per il Mellichen o altre discese più dirette sembrano molto remunerative.
Dal pianoro e dal rifugio ci è sembrato che la neve nei canali bassi non fosse continua. Oltretutto è una zona abbastanza crepacciata. Scendendo non abbiamo visto tracce che puntassero verso il basso in modo diretto. Quindi abbiamo preferito tornare al rifugio.
Sicuramente in questo modo abbiamo allunganto di circa 1-2 ore considerando la ripellata e il lungo portage.

La neve nella Mattertall è molto scarsa. Sui versanti esposti a ovest e sud la neve è presente sopra i 3000 metri. Per esempio alle pendici del Dom e nel Rotbach sotto il Taschhorn la neve non si vede al di sotto di quota 3000. La salita fino alla Weisshorn hutte e tutta pulita, nella conca di zermatt sotto il Furi c'è pochissima neve.

Al Sempione la neve comincia attorno ai 1900 metri nei versanti in ombra e nei canali. Dal passo per il Breithorn-Monte Leone bisogna portare gli sci forse 15-20 minuti.

Dalla vetta si vedevano già le strisce scure delle morene mediane sull' Aletschgletscher sopra la curva del Marjelesee.

Infine hanno aperto i passi svizzeri:Splugen, Furka, Grimsel, Klausen, Gottardo.
Usualmente vengono aperti alla fine di maggio-prima decina di giugno

www.tcs.ch/main/it/home/verkehrsinfo/paesse_tunnels.html

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
14/05/2011 12:42 #822 da Valerio Leoni
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW
ho postato alcune foto
V

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
16/05/2011 06:43 #823 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW

Valerio Leoni ha scritto: ho postato alcune foto
V

Belle.
Nella 4 e nella 6 si vede bene la sciabilità del vallone.
GRAZIE!

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.184 secondi
Powered by Forum Kunena