Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: Traversata Nadelgrat

Re: Traversata Nadelgrat 13/11/2007 10:21 #262

Ciao Nadelgrat estimatori...
dico anche io la mia alla luce della mia salita dalla Bordier l'8 settembre...

Solitamente si parte dalla Mischabelhutte (è il percorso più breve). Se il canale non è in condizioni, se si vuole privilegiare la completezza della salita integrale della cresta, oppure per puro masochismo... si parte dalla Bordierhutte e, tornando indietro e riattraversando il ghiacciaio, si risale al Galenjoch (dove peraltro si può bivaccare) in circa 2h 30'.


non sono d'accordo... :lol:
la salita dalla Bordierhutte è secondo me fantastica!
molto meglio che quella dalla Mischabel
e per il raggiungimento del rifugio (paesaggio fantastico) e per la logicità del percorso.

Noi abbiamo avuto difficoltà a trovare la calata attrezzata che dalla punta dovrebbe facilitare la discesa del primo salto. Ci siamo arrampicati sul filo di cresta, coi ramponi ai piedi su di una lama assai esposta, per poi scoprirla molto più in basso a destra. Insomma le relazioni vanno prese con le molle. C'è anche la possibilità di tagliare per una cengia in basso a destra della cima. Questo della calata dal Chili Durrenhorn è stato il tratto più tribolato di tutta la salita.


noi abbiamo disarrampicato coi ramponi senza corda
ma credo si potrebbe mettere un cordino da lascio

Molto bella invece la cresta che conduce all'Hohberghorn, in particolare l'ultimo tratto di misto esposto a nord.


eccellente...
piaciuta tantissimo anche a me!
e roccia inaspettatamente solida

Ancora qualche ravanamento per salire allo Stecknadelhorn (se ci si mantiene fedelmente sul filo di cresta si finisce su dei salti, conviene tenersi un pò in basso a destra, almeno nella prima parte).


quoto
il primo gendarme va evitato a destra...

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Re: Traversata Nadelgrat 14/11/2007 00:06 #267

  • Marco Tatto
  • Avatar di Marco Tatto Autore della discussione
  • Offline
  • Gold Boarder
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 113
  • Ringraziamenti ricevuti 1

Ciao Nadelgrat estimatori...
dico anche io la mia alla luce della mia salita dalla Bordier l'8 settembre...

m.tatto ha scritto:
Solitamente si parte dalla Mischabelhutte (è il percorso più breve). Se il canale non è in condizioni, se si vuole privilegiare la completezza della salita integrale della cresta, oppure per puro masochismo... si parte dalla Bordierhutte e, tornando indietro e riattraversando il ghiacciaio, si risale al Galenjoch (dove peraltro si può bivaccare) in circa 2h 30'.


non sono d'accordo...
la salita dalla Bordierhutte è secondo me fantastica!
molto meglio che quella dalla Mischabel
e per il raggiungimento del rifugio (paesaggio fantastico) e per la logicità del percorso.



Ciao Franz,
guarda che sono daccordo con te: il percorso integrale della cresta dal Galenjoch, con partenza dalla Bordierhutte, è indubbiamente il più completo ed esteticamente appagante. E' anche il più impegnativo fisicamente. Le mie considerazioni si riferivano al dato puramente oggettivo della brevità/comodità della salita per mettere nel carniere le tre cime (o quattro col Nadelhorn) in un colpo solo. Da questo (solo) punto di vista l'approccio dalla Mischabelhutte è "pragmaticamente" preferibile. Anche a me piace molto il vallone di accesso alla Bordierhutte (contrariamente alla salita/discesa alla/dalla Mischabelhutte, che personalmente odio :evil: ), che ho percorso anche con gli sci.
Ciao e buone salite.

Marco

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
  • 2
Tempo creazione pagina: 0.121 secondi
Powered by Forum Kunena