Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: Mont Blanc du Tacul

Mont Blanc du Tacul 01/10/2009 15:27 #564

Mont Blanc du Tacul - Condizioni attuali:

Salito il 30 settembre 2009 dall'Aiguille du Midi

Cresta dell'Aiguille sottile e in brutte condizioni con crepacci aperti nella parte bassa, ma nonostante ciò la traccia è intatta.

Il Tacul è in buone condizioni e la traccia ben evidente, anche se sottile nei traversi. Solo un brevissimo tratto di ghiaccio. Sempre "ansiogeni" i seracchi, tra l'altro la traccia passa in mezzo ad alcune grosse zolle, probabilmente cadute di recente.

*Ero transitato diverse volte sul Tacul, ma non ero mai stato sulla vetta (forse snobbandolo un po'). Ora, per collezione, ci sono salito e debbo dire che mi ha sorpreso in positivo, se non altro per il bellissimo panorama che offre. In questa stagione c'è pochissima gente in giro, ed essere soli in vetta, oltre ad essere una rarità, è il valore aggiunto.

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Re: Mont Blanc du Tacul 02/10/2009 18:42 #565

Davvero belli i colori dell'autunno in quota, la luce radente, il venir meno dell'affollamento estivo, il cielo che si mantiene terso tutto il giorno...Il Tacul, poi, è forse il miglior punto panoramico di tutto il massiccio. Bella l'idea di salirlo in questo periodo.

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Re: Mont Blanc du Tacul 04/10/2009 02:42 #566

Condivido tutto !

A dire il vero, la maggior parte dei "miei" quattromila li ho saliti a fine estate e autunno. Le ragioni sono varie, alcune delle quali sono proprio quelle da te elencate.

Ammetto di essere allergico alla folla estiva, così prediligo l'autunno e soprattutto i giorni feriali. In questo modo mi sono spesso tolto la soddisfazione di salire montagne molto frequentate senza trovarvi anima viva. Ricordo ad esempio, una piacevolissima ascensuione ad un Gran Paradiso deserto nel mese di ottobre, oppure, sempre in autunno, una Cresta del Leone priva di alpinisti, ma anche a quote inferiori ho trovato vette, solitamente affollate, come quella del Monviso, cariche di quel silenzio e solitudine, che generalmente solo le vette più ardite riescono a difendere. In questo modo anche lo Strahlhorn, il Bishorn e l'Allalinhorn hanno lasciato in me un ricordo più intenso.

Da aggiungere al bello autunnale, c'è anche l'inizio del suggestivo fenomeno dell'inversione termica (che poi prosegue in inverno), con le nuvole sotto e il cielo nitido in quota ... "effetto paradiso".

Con gli elogi all'autunno non scendo a quote più basse, altrimenti scriverei un mezzo romanzo; difatti, se è bella l'alta quota in questa stagione, la media montagna con i suoi boschi in muta è addirittura sublime!

Insomma, siamo inguaribili romantici!

:wink:

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Re: Mont Blanc du Tacul 05/10/2009 17:14 #567

Condivido tutto !

A dire il vero, la maggior parte dei "miei" quattromila li ho saliti a fine estate e autunno. Le ragioni sono varie, alcune delle quali sono proprio quelle da te elencate.

Ammetto di essere allergico alla folla estiva, così prediligo l'autunno e soprattutto i giorni feriali. In questo modo mi sono spesso tolto la soddisfazione di salire montagne molto frequentate senza trovarvi anima viva. Ricordo ad esempio, una piacevolissima ascensuione ad un Gran Paradiso deserto nel mese di ottobre, oppure, sempre in autunno, una Cresta del Leone priva di alpinisti, ma anche a quote inferiori ho trovato vette, solitamente affollate, come quella del Monviso, cariche di quel silenzio e solitudine, che generalmente solo le vette più ardite riescono a difendere. In questo modo anche lo Strahlhorn, il Bishorn e l'Allalinhorn hanno lasciato in me un ricordo più intenso.

Da aggiungere al bello autunnale, c'è anche l'inizio del suggestivo fenomeno dell'inversione termica (che poi prosegue in inverno), con le nuvole sotto e il cielo nitido in quota ... "effetto paradiso".

Con gli elogi all'autunno non scendo a quote più basse, altrimenti scriverei un mezzo romanzo; difatti, se è bella l'alta quota in questa stagione, la media montagna con i suoi boschi in muta è addirittura sublime!

Insomma, siamo inguaribili romantici!

:wink:


Come non quotarvi.
L'autunno regala emozioni indimenticabili.
E, al contrario dell'inverno freddo e "lugubre", riesce anche a regalare condizioni "quasi estive" (come quelle del passato we) che sono una manna per l'alpinismo.

PS: basti leggere sui database la salita di ieri del Cervino dal Leone, della trav dei Breithorn, della Dent Blanche e... 8)

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.136 secondi
Powered by Forum Kunena