Zona BERNINA. Eselgrat al Piz ROSEG

Di più
07/10/2009 14:33 #571 da Franz Rota Nodari
Franz Rota Nodari ha creato la discussione Zona BERNINA. Eselgrat al Piz ROSEG
In questo ultimo (?) we di estate...
le condizioni dell'alta montagna sono state il top!

In Vallese salite Cervino, Dent Blanche, Trav.Breithorn...
In Bianco pure tante salite molto impegnative...mi giunge voce di Kuffner, Contamine e MAJOR :shock: :shock: :shock: !!! da parte di un'amica che spero vorrà raccontare...

Anche il gruppo del BERNINA non è da meno come condizioni.
Nell'ultimo we di apertura della Capanna Tschierva, la Biancograt era in ottime condizioni. La W del Bernina un po' di ghiaccio, ma salibile. Il Naso di Scerscen ottimo. La Nord del Roseg con ghiaccio, ma salibile.
La classica e facile ESELGRAT al Roseg ottima!!!

A meno di forti nevicate (ehm, danno limite 2000 in Svizzera!!!) le cond dovrebbero mantenersi buone...

ROSEG, Eselgrat

Un weekend all'insegna del bel tempo, con temperature miti e condizioni in quota eccellenti. Come non coglierlo? E per l'occasione si fa anche una bella combriccola: io, Mattia (Mat69), Angelo (Penna), Mirko (Molly) e Roberto (Everest). Dopo una sfilza di opzioni da decidere durante la settimana, la scelta cade sulla bella Eselgrat (cresta dell'Asino?chi è? ;-)) al Roseg: una cresta di misto con un bel tratto in roccia e neve. Validissima alternativa alla "dirimpettaia" Biancograt al Bernina. In questo ultimo (forse) ricordo d'estate, siamo sulla lunga strada della Val Roseg superati dai calessi che ancora portano i turisti. La salita al rifugio è veloce e piacevole con questi magnifici panorami. Qui, una ventina di ultimi ospiti segna la chiusura stagionale. Un riposino e cena all'aperto all'ultimo sole. L'indomani la sveglia non sarà troppo presto: non ha senso arrivare all'attacco quando ancora è troppo buio, anche se una luna splendente ci farà risparmiare le batterie delle frontali per tutto l'avvicinamento. Questo non è né corto né lineare: morena, ghiacciaio, morena e rocce e ghiacciaio ben crepacciato. Con ottimo timing però siamo alle rocce con le prime luci. La mastodontica e affascinante parete nord del Roseg ci sovrasta. Gli amici ci sono passati sotto tre volte per salirla, ma Essa non ha voluto. La promessa si legge nei loro sguardi estasiati. Le rocce sono belle e la neve non è molta. I passaggi più impegnativi (IV) sono pure asciutti e addirittura spittati. Ormai è arrivato il sole e il panorama spazia di centinaia di chilometri. Davanti a noi solo due cordate, ma sempre a distanza: e pensare che d'estate qua c'è ressa??La cresta si rivela facile e divertente. Giunti alla fine delle rocce, la salita alla vetta, come da programma sarà una bella mazzata, ma la traccia è buona e la visuale dalla vetta sarà il meritato premio. Purtroppo Mirko e Roberto ci aspettano al colle. La vetta principale è tuttavia poco (mia trop!) oltre e la lasceremo per il "ritorno". Quei 16 metri non nascondo quasi nulla della meraviglia che si gode da quassù. E' però ora di scendere a valle. Purtroppo la discesa per la Capanna Coaz non pare in condizioni: il canale non banale e il ghiacciaio, al contrario del nostro di salita in ottime condizioni, sembra un vero labirinto. Ritornati sulle rocce, quindi, ci caliamo per le comode doppie non lungo la salita, ma su una linea diretta che consegna direttamente al ghiacciaio. Giunti al rifugio, le finestre sbarrate e i tavoli tolti dalla terrazza ci ricordano che ormai la stagione è proprio finita, nonostante questa giornata simil estiva. Ora questo torna ad essere il solo regno degli animali. Giunti in fondovalle i bramiti dei cervi (o rugli di orsi???) in amore (inquietanti!) che di continuo si odono provenire dal bosco sembrano volerci ricordare che ormai è ora di lasciare questo angolo di paradiso nella pace che si è guadagnato dopo mesi di affollamento e turismo. Ciao Roseg, buon "letargo".

Come sempre la montagna non è solo natura e contatto con essa. Non è solo introspezione nei tanti momenti di solitudine (mentre si sale in silenzio, mentre si contempla un panorama). Ma è anche e soprattutto condivisione ed amicizia. Bello assaporare questi sentimenti qua piuttosto che altrove. E' inutile dire che qua sono più intense. Chissà perché!? Grazie ai compagni di questa nuova emozionante salita.

Ed ora foto (mie e di Mattia):

La Val Roseg è lunga, ma all'andata si fa sempre meno fatica?


Ecco chi ci attende: la Triade: Bernina, Scerscen e ROSEG


La capanna ormai non è lontana. Bellissime Biancograt e Naso di Scerscen!!!


Il ghiacciaio Tschierva scende dal Roseg


Relax pomeridiano


La meta dell'indomani con i torrioni della Eselgrat indicati.


La Biancograt si tinge di rosso?


E la luna illumina la parete N del Roseg


Verso l'attacco della cresta


Prima lucina sul Roseg


Bei passaggi al sole


Vai Mirko!!!


Spigolotto spittato




Picca e misto: bel!




Ormai su neve; dietro i torrioni


Verso la quota 3598


Luce di vetta?


Foto di "gruppo" ;-)


Bernina e Scerscen


Dall'Anticima alla vera vetta il viaggio non è corto?


Dettaglio della Ovest del Bernina


Verso l'Italia: dal Badile, al Disgrazia, alle Orobie


Veloce discesa


Il Piz Morteratsch


Si torna sulle rocce


Ma poi via di doppie








La piramide sommitale


Bellissimo Naso di Scerscen?prossima meta? ;-)


Il percorso delle doppie: 1+2+1 da concatenare facilmente.


La Nord (Schmidt)


Sulle sperone tra le due colate glaciali


Non era un asino?ma un cavallo ;-)

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.177 secondi
Powered by Forum Kunena