nordend e aiguille verte

Di più
26/04/2010 18:14 #596 da Daniela Formica
COM_KUNENA_MESSAGE_CREATED_NEW
Dopo aver "scaldato" i motori nel we 10-11/4 sulle domestiche Parrot e Ludwigshoe, con gli amici e soci Marco Bagliani e Paolo Stroppiana il il 17-18/4 abbiamo salito la Nordend con gli sci dalla nuovissima e confortevolissima Monterosahutte. Buone le condizioni generali: neve polverosa su tutto il percorso dal rifugio alla cima, crepacci ancora ben chiusi, cresta aerea e delicata, roccette sommitali innevate, passaggio della seraccata poco evidente nella parte superiore.
Tornata quindi la voglia di "aria sottile", sabato 24/4 ci siamo messi in fila con numerose altre cordate su per il Couloir Couturier all'Aig. Verte. Pareva di essere al luna park: chi ne scendeva in sci dal Couturier o dal Whymper, chi ne decollava con il parapendio, chi inanellava la serie infinita delle calate del Whymper e chi, salito slegato, altrettanto sciolto ne scendeva.... Inutile dire che la bella giornata e le ottime condizioni evidentemente consentivano più di una variazione sul tema.
Il Couloir è tutto in neve e ben scalinato, la terminale però non è banale, presentando un muro di neve friabile alto 2/3 metri e il (poco, per il momento) ghiaccio affiorante molto duro e "cassant". La cresta per raggiungere il Colle della Grande Rocheuse aerea e molto stretta, ma ben tracciata.
Il Couloir Whymper è ancora ben innevato e consente una veloce discesa.
Se non si portano gli sci o le ciaspole, tenere conto che la progressione sul ghiacciaio è molto rallentata dagli immancabili "sfondoni".
Il locale invernale del rifugio Couvercle è dotato di stufa, legna e coperte.

Bonnes courses a tout le monde!

Daniela Formica

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
27/04/2010 11:06 #597 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW

Dopo aver "scaldato" i motori nel we 10-11/4 sulle domestiche Parrot e Ludwigshoe, con gli amici e soci Marco Bagliani e Paolo Stroppiana il il 17-18/4 abbiamo salito la Nordend con gli sci dalla nuovissima e confortevolissima Monterosahutte. Buone le condizioni generali: neve polverosa su tutto il percorso dal rifugio alla cima, crepacci ancora ben chiusi, cresta aerea e delicata, roccette sommitali innevate, passaggio della seraccata poco evidente nella parte superiore.
Tornata quindi la voglia di "aria sottile", sabato 24/4 ci siamo messi in fila con numerose altre cordate su per il Couloir Couturier all'Aig. Verte. Pareva di essere al luna park: chi ne scendeva in sci dal Couturier o dal Whymper, chi ne decollava con il parapendio, chi inanellava la serie infinita delle calate del Whymper e chi, salito slegato, altrettanto sciolto ne scendeva.... Inutile dire che la bella giornata e le ottime condizioni evidentemente consentivano più di una variazione sul tema.
Il Couloir è tutto in neve e ben scalinato, la terminale però non è banale, presentando un muro di neve friabile alto 2/3 metri e il (poco, per il momento) ghiaccio affiorante molto duro e "cassant". La cresta per raggiungere il Colle della Grande Rocheuse aerea e molto stretta, ma ben tracciata.
Il Couloir Whymper è ancora ben innevato e consente una veloce discesa.
Se non si portano gli sci o le ciaspole, tenere conto che la progressione sul ghiacciaio è molto rallentata dagli immancabili "sfondoni".
Il locale invernale del rifugio Couvercle è dotato di stufa, legna e coperte.

Bonnes courses a tout le monde!

Daniela Formica

Complimenti per la Nordend...vogliamo le foto...
:lol: :lol: :lol:
Per quanto riguarda la Verte...dovevamo essere anche io e Mara della compagnia delle giostre del Monte Bianco... ;-)
Ma abbiamo desistito (e ripiegato sulla MODICA ...alla faccia del ripiego ;-)).
Perchè tanto la Verte è sempre lì...

Giovedì la guida Enrico Bonino (sentita al tel) è tornata indietro per evidenti e oggettive condizioni di pericolo. Le sue parole sono molto critiche su chi valuta una salita in base alla presenza di traccia e di tante cordate (anche slegate o in scioltezza).
Ne parla bene nel suo blog:
enricobonino.blogspot.com/2010/04/osservazioni-e-dibattito.html
cito da lì...

Vorrei portare un esempio fresco fresco di questi giorni per farvi capire meglio il mio punto: nelle ultime 3 settimane le grandi pareti del bacino dell'Argentiere, nel massiccio del Monte Bianco, sono state molto frequentate. Salite come la via degli Svizzeri alle Courtes o il couloir Couturier all'Aigulle Verte o ancora la via Ginat sulla parete nord delle Droites, sono state percorse da numerose cordate. Sui siti specializzati la gran parte di queste anno parlato di ottime condizioni.
Certo, perché dalla terza cordata in su, sul Couturier ci sono gli scalini e la salita si trasforma in un gesto fisico e null'altro?apparentemente!!!!
Però non consideriamo che i giorni precedenti ha nevicato con vento, che la neve si è accumulata e ha formato delle pericolose placche che potrebbero staccarsi trascinandoci a valle, che il vento che fa colare la neve sul pendio potrebbe far cadere dei pezzi più grossi dei semplici fiocchi di neve, che oltre alla salita bisogna prendere in considerazione anche la discesa, e che se non si rispettano determinati orari possiamo trovarci in situazioni molto pericolose. La sera quando scriviamo sul sito della Maison della Montagne o su Gulliver che la salita era perfetta non pensiamo ai pericoli che abbiamo corso, fermiamo il nostro pensiero alla semplice traccia e non consideriamo tutto ciò che vi era attorno.
Questa mattina, con un collega guida alpina, abbiamo fatto dietro front dopo i primi 100m del couloir suddetto. Si sprofondava fino al ginocchio in determinati punti e si stava a galla in altri; lo strato di neve si presentava molto disomogeneo e spesso vuoto al di sotto del primo strato non permettendo neanche il piazzamento di una sosta su piccozze; le colate di neve lungo il pendio erano continue, a cascate. Per certo non sono caratteristiche di una salita su neve in buone condizioni. Mentre scendiamo una cordata di francesi ci raggiunge e decide di proseguire. Arrivati agli zaini spieghiamo il problema ad una cordata di italiani che mi chiedono: " ma gli altri hanno proseguito?" ed alla mia risposta affermativa, mi sento rispondere senza pensarci due volte "va beh allora andiamo anche noi". Tempo due minuti uno dei due e finito nella crepaccia terminale.
Io ed il mio socio ci dirigiamo verso una goulotte decisamente più corta e tecnica nelle vicinanze per approfittare della bella giornata. Verso le 10 am decidiamo nuovamente di scendere prima di aver terminato la salita a causa del fortissimo calore che stava rendendo pericolosa la via. Verso le 11 am circa, una cordata, con tutto comodo, si dirigeva verso il couloir Couturier e lo attaccava poco dopo. Il girono prima, la vetta della Verte era stata raggiunta verso le 16 da diverse persone?che avrebbero intrapreso da lì a poco la lunga e pericolosa discesa del canale Whymper (che si trova sul versante Sud della montagna).


Quindi sempre all'occhio!
E buon divertimento...frizzante ;-)

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
06/05/2010 00:56 #605 da Giancarlo Bellotti
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW

Perchè tanto la Verte è sempre lì...


:lol: :lol: :lol:
Son d'accordo... ma per finirli prima o poi ci devi arrivare :wink: :twisted:

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
06/05/2010 14:02 #606 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW

Perchè tanto la Verte è sempre lì...

:lol: :lol: :lol:
Son d'accordo... ma per finirli prima o poi ci devi arrivare :wink: :twisted:

Certo...ma o la lascio per ultima...o non vorrei finire la collezione lì sopra ;-)

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.184 secondi
Powered by Forum Kunena