L’Aiguille de TRÉ LA TÊTE e l’estate senza fine…

Di più
05/10/2011 09:41 - 05/10/2011 10:03 #1016 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_CREATED_NEW
Traversata Biv.Rainetto, AIGUILLE DE TRÉ LA TÊTE Orientale, S-E (principale) 3930m, Biv.Hess

(Da: forum.meteonetwork.it/glaciologia-cura-s...1-foto-depoca-6.html )

In questa estate senza fine c’è ancora spazio per le [c]grandes corses[/c] d’alta quota. Non si può non approfittarne. Questa volta però oltre ad Alessandro, con il quale ho piacevolmente condiviso l’ultima uscita allo Zupò, c’è anche Warta. Ed ogni volta è una sorpresa. Viene poche volte, ma quelle volte dimostra una grande resistenza e costanza. E questa è una di quelle che mette alla prova. Lungi dall’essere una salita PD, come indicato in alcune relazioni, la salita è complessa, varia, abbastanza impegnativa, con roccia, ghiaccio e misto. Una salita che da tempo avevo in testa, che per una cosa o per l’altra veniva a torto rimandata. Dalla Baretti nel 2009 ne ero rimasto affascinato con il suo versante nord.
Già la salita al bivacco Rainetto è entusiasmante per i panorami che regala sia sul Bianco che sulle montagne valdostane. La piana del Combal da lassù poi è favolosa; per non parlare del Bianco arrossato al tramonto L’indomani partiamo al buio (che tuttavia in questa stagione non corrisponde al “molto presto”) e per il ghiacciaietto giungiamo sul Petit Mont Blanc quando albeggia: fantastico. Di qui per un versante dirupato, di roccia infida e ghiaccio nero si giunge all’omonimo ghiacciaio. Ovviamente questo ci farà perdere più tempo del previsto. E Warta si “diletterà” nell’uso dei due attrezzi ;-) Proseguiamo ora per il colle che precede l’Aiguille de Tré-la-Tête Orientale donde appare il Bianco con il suo maestoso versante W. E anche la Baretti. Il pendio che conduce in vetta ha una pendenza di 45° e un bel tratto di ghiaccio (fino a 50°) che ulteriormente divertirà Warta ;-) Dalla vetta con un panorama spaziale traversiamo per aerea cresta alla vetta centrale (S-E) deturpata da una costruzione (antenna di telefonia). Tornare sui propri passi sarebbe disagevole e optiamo per quella che era solo una possibilità ovvero di proseguire e scendere sul versante opposto…e poi le traversate sono sempre intriganti ;-). Giunti alla sella con la cima N-W cominciamo la discesa del dirupato versante W, sicuramente meglio con neve, ma che ci consegna piuttosto agevolmente (anche se la conserva in 3 e con la roccia così friabile è sconsigliabile), alla neve del ghiacciaio Lée Blanche non dopo aver disceso un bel pendio a 50° (ma in neve) e superato la crepaccia terminale non perfetta. Di qui con lungo semicerchio giungiamo alla fascia rocciosa caratterizzata dalla “cravatta”: un canale che collega i due plateau glaciali. È ormai buio, si prospetta (come immaginato) un’altra notte al bivacco Hess. Tuttavia raggiungerlo non sarà veloce per il tratto roccioso di torri non banali ed espostissime (III). L’indomani realizzeremo in che magnifica posizione si trova anche questo nido d’aquila.
Insomma, come dice Denis, “…gliene fai fare poche, ma la fai divertire tanto ogni volta” ;-) Un grazie di cuore ad Alessandro che ha condiviso questa avventura. E ora può iniziare l’autunno ;-)

Il fotoreport completo allo: www.on-ice.it/onice/viewtopic.php?t=11689
La relazione di massima: www.on-ice.it/onice/onice_view_report.php?type=4&id=2662

Ma ecco alcune foto:









Last edit: 05/10/2011 10:03 by Franz Rota Nodari.

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
17/10/2011 21:22 #1023 da Daniela Formica
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW
Bravo Franz, complimenti, hai sempre belle idee!
Una bellissima traversata, che in parte ho già fatta, ma che da tempo sogno di proseguire oltre la Trélatète sino al rif. Durier al Col du Miage e poi ancora alla Bionassay, con discesa dal rif. Gonella e ritorno al Combal.
Che ne dici? ... un bel progetto per la prossima stagione?... :)

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
18/10/2011 07:06 #1024 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW

Daniela Formica ha scritto: Bravo Franz, complimenti, hai sempre belle idee!
Una bellissima traversata, che in parte ho già fatta, ma che da tempo sogno di proseguire oltre la Trélatète sino al rif. Durier al Col du Miage e poi ancora alla Bionassay, con discesa dal rif. Gonella e ritorno al Combal.
Che ne dici? ... un bel progetto per la prossima stagione?... :)

Pronti, via! ;-) Io son sempre pronto ai nuovi progetti...
Anche se il mio ritorno su quella vetta dovrà essere da N...che sia il Bonatti o qualche goulotte più ingaggiosa...
PS: comunque ora anche l'Aiguille des Glaciers (dalla Kuffner) fa parte dei miei progetti ;-)

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.367 secondi
Powered by Forum Kunena